Segui Sony Italia

Cala il sipario sulla TV in prima serata L’on-demand ha aperto un mondo di possibilità di visione

Comunicato stampa   •   mag 30, 2019 15:35 CEST

Solo il SEI PERCENTO delle persone guarda con regolarità un programma quando viene trasmesso in TV, le altre si affidano ai servizi di streaming e catch-up TV

  • Secondo una ricerca condotta da Sony, con l’aumento dei servizi mobile, on-demand e streaming, le abitudini sono cambiate e la televisione in “prima serata” sta scomparendo
  • Nonostante l’allontanamento dagli schemi tradizionali, la TV resta il mezzo preferito per guardare film e programmi, battendo portatili e tablet in quanto permette una visione più comoda e con una qualità superiore
  • Gli spettatori scelgono lo streaming rispetto alla TV in diretta in modo da poter guardare più episodi in una sola volta, il cosiddetto effetto “Game of Thrones”, termine coniato dall’esperta in psicologia e commentatrice televisiva britannica, Emma Kenny
  • Non solo l’on-demand ha modificato il modo in cui le persone guardano la TV, ma anche le modalità di interazione; con i modelli di televisori come XG95 di Sony, che integra la modalità calibrata per Netflix, le persone guardano contenuti il più vicino possibile alle “intenzioni dei filmmaker”

Nonostante la TV venga guardata con una frequenza che non ha precedenti, con un tempo di visione medio a persona di oltre 15 ore a settimana, la fascia della “prima serata” è destinata a scomparire, in quanto solo il 6% delle persone guarda con regolarità un programma in diretta televisiva, preferendo invece lo streaming o la catch-up TV.

Da una ricerca* condotta nell’ambito del report “L’evoluzione del soggiorno” di Sony è emerso che, mentre da un lato la TV in diretta sta perdendo terreno, dall’altro l’esperienza di sedersi di fronte alla TV mantiene una certa popolarità. Oltre che per i videogiochi (l’85% degli intervistati italiani conferma di aver giocato da giovane e il 96% afferma che tutt’oggi i figli utilizzano il TV per i videogiochi), l’81% del campione preferisce guardare i propri programmi e film preferiti in streaming sulla propria TV anziché su altri dispositivi, dato che cresce nel caso specifico dell’Italia a 84%. Questo per il fatto offre una maggiore comodità (lo sostiene l’82% degli intervistati italiani), un livello di qualità video (55%) e audio (40%) superiore. In effetti, un terzo degli intervistati dichiara che il televisore è l’oggetto più importante del soggiorno.

Gli europei apprezzano la comodità di visione offerta dalla TV, come indicato dalle persone intervistate di Regno Unito, Paesi Bassi, Francia, Belgio e Italia; ma è in Germania che la qualità di visione dei moderni impianti TV è maggiormente apprezzata.

Il report ha inoltre rilevato che gli spettatori ora preferiscono i contenuti in streaming alla TV “programmata”. Le motivazioni addotte includono la flessibilità offerta dallo streaming, rispetto alle limitazioni imposte dalla programmazione in diretta (50%), nel caso specifico dell’Italia il 43%, la possibilità di trovare tempo per la visione dei programmi nonostante orari di lavoro più lunghi (32%) e di guardarli insieme ad amici e/o partner (31%).

Questa popolarità ha spinto i produttori di TV a concepire apparecchi in grado di adattarsi alle funzioni offerte, per integrare lo streaming, con modelli, come XG95 di Sony, che prevedono una modalità calibrata per Netflix, in modo da consentire agli utenti di guardare i contenuti secondo “le intenzioni dei filmmaker”.

Guardare la TV continua anche a essere un’esperienza condivisa, con il 48% delle persone sedute di fronte al televisore con la propria famiglia, ogni giorno. Un’esperienza più che mai semplice, anche per le famiglie più numerose, grazie a caratteristiche come il sistema X-Wide Angle† del modello XG95 di Sony, sinonimo di immagini di qualità impeccabile, indipendentemente dall’angolo divisione.

L’esperta in psicologia e commentatrice televisiva britannica Emma Kenny commenta così i risultati: “La televisione non è semplicemente un mezzo che permette di usufruire di una serie di contenuti. Rappresenta numerose e diverse variabili e raggiunge gli individui in modi assolutamente unici.

Nonostante la società sia cambiata notevolmente dall’introduzione del primo televisore a oggi, molti dei nostri comportamenti sociali sono rimasti invariati. Siamo sempre degli esseri “sociali” che danno valore al tempo trascorso in famiglia e, considerata la vena nostalgica legata al “momento della TV” presente in tutta Europa, non mi sorprende che le famiglie continuino a guardare la TV insieme, come un’esperienza condivisa.

In genere il televisore viene posto al centro della casa e, nonostante spesso siano presenti più apparecchi in una sola abitazione, tende a esserci una sorta di TV “principale” circondata da divani e collocata in posizione centrale rispetto al soggiorno. Questa disposizione rappresenta una connessione a più livelli. Una connessione con la tecnologia, con i personaggi e i programmi che si sceglie di vedere, ma soprattutto, una connessione con chi ci sta intorno, perché spesso si condivide l’esperienza di visione con gli amici e la famiglia. Questa esperienza condivisa favorisce i legami e rappresenta l’appartenenza, che è fondamentale per una salute mentale positiva e per il benessere.

Se, da un lato, portatili e telefoni consentono agli utenti di visualizzare programmi e serie praticamente ovunque, dall’altro il risultato è un’esperienza visiva più isolata, a cui mancano gli aspetti più importanti che si hanno quando si guarda la televisione.

La soddisfazione che si prova stando seduti sul proprio divano in totale relax a guardare il proprio programma preferito e avendo contemporaneamente accesso a tutti i comfort di casa è un’esperienza appagante. Avere la possibilità di staccare completamente la spina e, al tempo stesso, di sintonizzarsi sul proprio programma preferito permette di evadere dalla realtà, favorendo una diminuzione dello stress e aumentando i pensieri positivi.”

L’esperta prosegue: “Il binge watching è un fenomeno completamente moderno, che non avrebbe avuto alcun senso per le persone 50 anni fa. I servizi di streaming hanno fatto in modo che questo “effetto Trono di Spade” agisse sulle nostre personalità dipendenti e curiose, rendendoci totalmente dipendenti da una serie che non riusciamo a smettere di guardare. Come abbiamo visto con Trono di Spade, anche la “paura di essere tagliati fuori” gioca un ruolo di primo piano nel successo dello streaming, in quanto il nostro istinto umano naturale vuole essere parte delle esperienze sociali più elettrizzanti.”

Un ambito in cui la TV in diretta rimane essenziale in tutta Europa è lo sport, con almeno due terzi dei partecipanti che dichiarano di dover assistere all’evento in diretta. Ancora una volta, il dato cresce nel nostro paese, con ben il 79% degli intervistati che preferiscono guardare le gare sportive live. La differenza rispetto a vent’anni fa è l’impatto che i social media hanno sulla visione dello sport, con gli italiani più propensi a commentare sui propri canali sociali durante le partite di calcio rispetto a tutti gli altri europei intervistati.

Come afferma l’ex calciatore inglese Steve McManaman: “L’unica eccezione alla visualizzazione di contenuti programmati è lo sport. I fan non possono aspettare di guardare una partita o un evento sportivo, perché diventa subito storia passata. Con la recente introduzione dei social media, dobbiamo guardare lo sport in diretta, altrimenti i risultati ci verranno comunicati da amici o saranno visualizzati su una piattaforma sociale prima ancora di conoscerli! Con caratteristiche quali X-Motion Clarity, presente sul modello XG95 di Sony, non c’è mai stato un momento migliore per guardare le azioni veloci senza la minima perdita di fuoco.”

Gavin McCarron, esperto TV di Sony, ha dichiarato: “Con l’introduzione del modello XG95, vogliamo offrire agli spettatori la migliore esperienza possibile. Essendo un TV LED Full-Array, offre un contrasto e una luminosità di qualità cinematografica per un livello di dettaglio e profondità più accurato, grazie a zone di LED multiple posizionate direttamente dietro lo schermo. Inoltre, coniugando una serie di caratteristiche, permette una migliore esperienza di visione in ambito gaming, cinema e sport.

“La tecnologia X-Wide Angle† consente, inoltre, a chi guarda di posizionarsi in un punto qualsiasi della stanza, senza che l’immagine visualizzata cambi; X-Motion Clarity favorisce la visualizzazione di immagini sportive con la massima nitidezza, mentre con la modalità calibrata per Netflix è possibile guardare film e programmi in streaming il più vicino possibile alle “intenzioni dei filmmaker”. Quindi, non solo allevia la pressione sulla programmazione, ma garantisce anche la migliore esperienza possibile.”

***

Note per la stampa

Sony XG95:

Già disponibile, il modello XG95 è un TV LED Full-Array che offre immagini di qualità cinematografica tra le pareti domestiche.

Grazie al potente processore d’immagine X1™ Ultimate, XG95 garantisce un’esperienza di visione 4K HDR spettacolare, con livelli di dettaglio e nitidezza senza paragoni. La rimasterizzazione HDR “object-based” garantisce migliore profondità, una texture più accurata e, in ultima analisi, immagini più realistiche.

Il sistema X-Wide Angle† di XG95 è sinonimo di immagini di qualità impeccabile, indipendentemente dall’angolo di osservazione, e offre una qualità d’immagine migliorata, superiore alle normali capacità di un TV LCD, grazie all’esclusivo schema ottico di Sony e alla tecnologia X-Motion Clarity™.

E, per un’esperienza di intrattenimento ancora più coinvolgente, la serie XG95 vanta il sistema Sound-from-Picture Reality™ con innovativa tecnologia Acoustic Multi-Audio™ di Sony.

Il TV XG95 è dotato di modalità calibrata per Netflix, IMAX Enhanced**, Dolby Vision™ e Dolby Atmos™** per un’esperienza visiva il più possibile vicina alle intenzioni dei filmmaker.

Per una casa e un televisore ancora più smart, il modello XG95 è dotato di Assistente di Google integrato***, nonché di microfono interno per il controllo vocale “hands-free”. In più, un’interfaccia utente di nuova concezione consente di accedere in modo fluido e semplice alle app preferite e alle impostazioni.

Sony Corporation

Sony Corporation è una “creative entertainment company” con solide fondamenta basate sulla tecnologia. Dal gaming e i servizi online, alla musica, al cinema, all’elettronica, ai semiconduttori e ai servizi finanziari - l’obiettivo di Sony è riempire il mondo di emozione attraverso il potere della creatività e della tecnologia. Per ulteriori informazioni relative a Sony, visitare il sito http://www.sony.net/.

Il report

Il report utilizza i dati provenienti dalla società di ricerca di mercato One Poll che ha condotto il sondaggio e la ricerca dei dati in tutta Europa. Le statistiche riportate all’interno del documento fanno riferimento a 6.500 partecipanti intervistati in Regno Unito, Francia, Italia, Germania, Paesi Bassi e Belgio.

*Ricerca su 6.000 consumatori europei condotta da One Poll nell’aprile del 2019. Distribuzione dei partecipanti:

1.000 Regno Unito

1.000 Francia

1.000 Italia

1.000 Germania

1.000 Paesi Bassi

1.000 Belgio

**Disponibile tramite futuro aggiornamento software

***La disponibilità varia a seconda della regione

†Disponibile nei modelli da 75” e 85”

[1]‘If Walls Could Talk’bbc.co.uk

[1]‘The Story of our Rooms’bbc.co.uk

[1] ‘The Story of our Rooms’bbc.co.uk

Sony Corporation

Sony Corporation è una “creative entertainment company” con solide fondamenta basate sulla tecnologia. Dal gaming e i servizi online, alla musica, al cinema, all'elettronica, ai semiconduttori e ai servizi finanziari - l’obiettivo di Sony è riempire il mondo di emozione attraverso il potere della creatività e della tecnologia. 

Per ulteriori informazioni relative a Sony è possibile visitare il sito http://www.sony.net.

File allegati

Documento PDF